Il Cercatore

Nuotavo in una piscina d’aria

I miei passi incidevano il catrame

Le strade erano labirinti e

il Minotauro ero io.

 

La gente ha paura

mi evita e complotta.

L’ignoto fa paura,

la Verità va distrutta.

Il Minotauro era la Verità.

 

Ero un cercatore io,

camminavo per le strade

Cacciavo sguardi: occhi

che ti rendono nudo.

Il Minotauro era nudo.

 

Gli sguardi erano il mio cibo,

la mia droga, la mia preda.

Il Minotauro si voltava,

era inutile,

tutti fuggivano.

Il Minotauro era solo.

 

Nessuno aveva il coraggio,

quella forza di guardarsi dentro,

quel pudore di farsi pescare da me.

Il Minotauro era uno specchio.

 

Odio gli uomini

Amo l’Umanità.

 

In questo catrame vivono

solo anime spente, vivono

i morti

Il Minotauro era vivo.

 

Voleva solo il vostro bene,

ma si sa che il vero è una ciste:

dolorosa, è vero, ma se la

ignori vivi meglio.

Il Minotauro era il peggio.

 

Gli schiavi chiamarono il padrone,

il loro dio:

la menzogna vivente,

un uomo di fumo

Il Minotauro era un liberto.

 

Il capo si faceva chiamar Teseo,

mi guardò, esitò.

Vide di non avere un’anima,

ma non poteva contraddire sé stesso:

non poteva contraddire il fumo.

Il Minotauro era arrosto.

 

Lo accarezzai, lui pianse

Sapevo cosa stesse per fare,

ma il Cercatore lo aveva capito:

nessuno più voleva essere preda,

nessuno voleva pensare.

Il Minotauro era ispirazione.

 

Teseo guardò in basso,

vide il catrame che aveva lasciato,

preferì l’illusione, non poteva

veder sacrificare la sua speranza.

Il Minotauro era la speranza di tutti.

 

Ci abbracciammo e lui

Mi trafisse

I fantasmi esultarono,

voi esultaste.

 Il Minotauro era vivo

Il Minotauro ero io.

Il Minotauro era dio. 

 

Ora il Minotauro è morto,

il Minotauro non vi è più.

Ma voi potete trovarlo, perché

quando i morti si uccidono

ritornano vivi.

 

Il Minotauro è nel mondo dei vivi.

Non ha bisogno di cercare,

gli altri lo cercano.

Tu sei morto.

Il Minotauro è vivo.

Lupo Stefano   

   

Un Folle

Chi può dire chi io sia se non io stesso! Nel coraggio di vivere, è oggi la vera virtù.

Il giorno in cui l’uomo contradisse se stesso

La nostra percezione è basata sulla dualità: qualcosa è o non è. Aristotele denominò questo principio logico “principio di non contraddizione” e noi uomini lo abbiamo posto come fondamenta per il nostro edificio del sapere. Tremiamo, dunque, perché la dualità così come la concepiamo logicamente è giunta alla sua estinzione. Un breve scritto giovanile stilato per un concorso alla Scuola Normale Superiore di Pisa che dà uno spiraglio di luce ad una teoria scientifica sul concetto di “anima”.

Il Pensiero dalla strada

Una riflessione in merito alla natura del male

Sui déjà vu e sul fenomeno della prescienza

Recenti ricerche hanno portato alla luce che il 60% della popolazione mondiale ha avuto un déjà vu almeno una volta nella propria vita. Ma cosa si nasconde dietro questo strano fenomeno? Per la prima volta in Italia ecco una ricerca completa ed esaustiva a riguardo. Sarai pronto ad affrontare questo percorso verso la “Verità”?

Vorrei ricordare

Come le onde del mare, il tempo scandisce a ritmi più o meno regolari le nostre esistenze: uniche e indispensabili per noi, del tutto marginali per l’evoluzione dell’Uomo.

Vuoti d’Aria

Un rapporto intimo tra corpo e natura, silenzi e colori

La caduta degli dèi

Chaos si avvicina, Zeus crolla con l’Olimpo, Apollo si spegne, Chronos è ridotto in schiavitù, Artemide muore a caccia, Eolo è statico, Atena si nasconde, Afrodite viene uccisa da un amante, Poseidone è una statua di sale, Ares muore per vendetta, Ermes cade in picchiata, persino il dio monoteistico abbraccia Dioniso, Era ed Efesto si consegnano da soli ad Ade, egli stesso è affranto. Ora che abbiamo ucciso tutti gli dèi ci aspetta evoluzione o regressione?

Swarovski

Gli ultimi raggi del sole fanno brillare gli aspetti più reconditi della strada; il mondo ora risplende orridamente sotto quest’occhio di bue.

Gesù: il primo coach moderno nella storia dell’umanità

La figura del coach sembra essere divenuta una moda, ma da dove trae le sue origini? Quali sono i parallelismi con il metodo socratico? E ancora: vi è un qualche collegamento tra Socrate e Gesù? Quest’ultimo è davvero esistito?

L’Aurora e La Porta

Un percorso lungo la temporalità. Dai primi versi sbocciati nel 1995 all’attraversamento di un Porta al di la dello spazio e del tempo. Cosa ci aspetterà in questo eterno viaggio?

>
error: Attenzione: Il contenuto è protetto da copyright!