Il giorno in cui l'uomo contraddisse se stesso

Una pubblicazione di Lupo Stefano

Il giorno in cui l’uomo contradisse se stesso

 

Viviamo in un mondo basato sul principio di non contraddizione secondo cui ogni cosa è identica a se stessa. Su questo principio Aristotele fondò la sua filosofia, Galileo pose i principi per la scienza moderna e alcuni filosofi come Leibniz credettero persino che Dio fosse sottoposto a questo principio stesso. Tuttavia, basterebbe fare una semplice domanda ad un fisico perché questo principio, il basamento dell’umanità, si smentisca: “Che cos’è la luce?”

Il modello corpuscolare

Il primo scienziato a spiegare la natura della luce fu Isaac Newton nel 1600. La sua teoria vedeva la luce come un insieme di particelle, chiamate fotoni, che si comportavano come la materia comune. Il modello corpuscolare spiegava la maggior parte dei fenomeni allora conosciuti come la propagazione in linea retta della luce, la formazione delle ombre e la rifrazione.

Il modello ondulatorio

Nel 1637 lo scienziato olandese Chistiaan Huygens propose un modello del tutto diverso da quello precedente affermando la natura ondulatoria della luce. Esso paragonava la luce ad un onda (ciò che si trasporta è quindi energia e non materia, così come fa un’onda sonora).

Fino al 1801, per semplicità, si ritenne corretto il modello corpuscolare, finché Thomas Young non scoprì altre proprietà della luce quali la diffrazione e l’interferenza. Essendo quest’ultima una caratteristica esclusiva delle onde si cominciò a supporre la veridicità del modello ondulatorio.

Nel corso degli anni restò tuttavia irrisolto il problema della non capacità della luce, a differenza delle onde, di aggirare gli ostacoli, anche se alcune teorie spiegarono questo problema supponendo che la luce abbia una lunghezza d’onda microscopica.

La svolta: il dualismo particella-onda

A mettere in crisi il modello ondulatorio fu Albert Einstein che, con degli esperimenti sull’effetto fotoelettrico, dimostrò l’infondatezza della teoria di Huygens. Tale effetto consiste in un fenomeno che ha luogo nei conduttori i quali, esponendoli alla luce, emanano elettroni dalla superficie. L’unica spiegazione possibile era di considerare la luce nuovamente come corpuscolare. Questa scoperta fece vincere ad Einstein il premio Nobel per la fisica nel 1921.

La meccanica quantistica

Per evitare paradossi fu quindi necessario ammettere che fosse possibile spiegare alcuni fenomeni luminosi con la teoria corpuscolare ed altri con la teoria ondulatoria. Quindi la luce è fatta di particelle o è un’onda? Nel 1924 lo scienziato De Broglie affermò che tutta la materia si manifestasse con questo dualismo particella-onda sviluppando così la teoria della meccanica quantistica. Fu infine Bohr (collega e amico di Einstein) a elaborare definitivamente il principio di complementarietà, secondo cui gli aspetti ondulatori e particellari di un fenomeno non possono essere osservati contemporaneamente.

Fu questo il giorno in cui la figura professionale stereotipicamente più razionale, lo scienziato, dichiarò il fallimento del principio di non contraddizione. La scoperta del dualismo della luce ha portato l’umanità ad un livello di apertura mentale ancora maggiore.  E chissà se in futuro i ricercatori non scopriranno che anche noi esseri umani siamo composti sia da particelle che da onde e che magari quest’onda sia proprio ciò che abbiamo sempre denominato “anima”.

 

Lupo Stefano

“Se in meccanica quantistica non hai niente, avrai pur sempre qualcosa”

Lawrence Krauss

Il giorno in cui l’uomo contradisse se stesso

La nostra percezione è basata sulla dualità: qualcosa è o non è. Aristotele denominò questo principio logico “principio di non contraddizione” e noi uomini lo abbiamo posto come fondamenta per il nostro edificio del sapere. Tremiamo, dunque, perché la dualità così come la concepiamo logicamente è giunta alla sua estinzione. Un breve scritto giovanile stilato per un concorso alla Scuola Normale Superiore di Pisa che dà uno spiraglio di luce ad una teoria scientifica sul concetto di “anima”.

Gattamorta

Gattamorta Lasciatela dormire. È sazia, non ha fame di giochi né di caccia. Sopito il desiderio.   Come acqua stagnante, spuma di cascata che a fine corsa riposa, sazia di affanno, paga di viaggio compiuto, è il suo dormire.   Portoni schiusi verso giardini...

Sei

Come annegare in un oceano d’aria per provare a definire chi Sei

Perché scrivere?

Quante volte hai sentito la necessità di buttare fuori in qualche modo quel groviglio di emozioni e stimoli che ti tieni dentro?
Ognuno di noi ha bisogno di dar sfogo al proprio impulso creativo, ma in che modo farlo?
Vale davvero la pena condividere con gli altri quello che abbiamo “creato”?

I cinesi sono tutti uguali?

Ma i “cinesi” sono veramente tutti uguali? Esistono degli studi scientifici alla base di questo stereotipo?
Quali fenomeni sociali possono stare alla base dell’omologazione agli standard di bellezza? Scopriamolo insieme!

Il Cercatore

Conosci il Cercatore? Il vivo tra i morti, la luce nel buio. Egli ricercava disperatamente gli sguardi altrui, una qualche forma di riconoscenza, una prova di esistenza. Poi, un giorno, tutto cambiò. Il Cercatore, il Minotauro raggiunse la consapevolezza, la piena autenticità. Fu così che tramutò.

Il Pensiero dalla strada

Una riflessione in merito alla natura del male

Gesù: il primo coach moderno nella storia dell’umanità

La figura del coach sembra essere divenuta una moda, ma da dove trae le sue origini? Quali sono i parallelismi con il metodo socratico? E ancora: vi è un qualche collegamento tra Socrate e Gesù? Quest’ultimo è davvero esistito?

Ama

È quando c’è più bisogno di amore che occorre amare. In quel momento l’amore si moltiplica perché ha necessità di amare e farsi amare per imprimersi nel profondo.

L’attesa nella malinconia

Cos’è l’attesa se essa è accompagnata dalla malinconia?

>
error: Attenzione: Il contenuto è protetto da copyright!