Il Pensiero dalla strada

Una pubblicazione di Lupo Donato

Alla domanda “Qual è l’immagine che più ti ha rattristato al punto di farti commuovere?

 

Ecco.

Queste sono le immagini del male. Puro, spietato, vero, perché puoi vederne la sua intensità negli occhi delle sue Vittime. Forte, perché è in grado di cambiare per sempre la vita, ammesso di essere graziati, di chi ne è vittima.

Intenso ed imperituro, come una ferita profonda che anche quando si rimargina lascerà per sempre i segni del suo passaggio.

Perché colpisce un innocente?

Perché nell’innocente trova il suo sfogo maggiore, il suo rapire intensamente sensi ed emozioni generando uno scompenso nella realtà per la realtà stessa.

Colpisce anche e sopratutto (come si può vedere) quelle persone che non possono aspettarselo. Oggi tutti conosciamo il volto dei meschini della guerra in Sarajevo: appollaiati come falchi, in cerca della loro preda, i cecchini li colpivano senza pietà.

Lanciavano le schegge di piombo come coriandoli ad una festa: la festa dei morti. Le loro vittime non erano “Obbiettivi militari” (anche dette persone, uomini, anime al servizio di un Paese), ma semplici civili, innocenti, indifesi, con la sola colpa di essere passati sotto lo sguardo del rapace assassino e assalitore.

L’Uomo. Bestia per eccellenza.

Cos’è allora il male? Assenza di Bene?

Ma l’assenza di “Bene” non dovrebbe essere l’indifferenza? Spesso più infida e cattiva del male, ma non il male per definizione. L’assenza di bene non deve generare, ma deve piuttosto segnare l’assenza di qualcosa.

Il Male invece penso sia un’entità a se stante con una propria generazione e rigenerazione presente in alcune persone spesso portatori sani, fintanto che tutto volge al loro volere.

Il seme del male esula da quello del bene e come sempre nell’uomo che reagisce meglio alle negatività rispetto alle positività, si può oggettivamente affermare che in essi troverà maggiore fertilità.

Il Male non è arginabile e non vogliamo quantificarlo per paura di scoprire che è di gran lunga superiore… al bene.

 

Lupo Donato

“La bestialità degli animali deriva da un istinto di sopravvivenza, quella degli uomini da pura crudeltà, spesso accompagnata dal gusto di fare del male”

Emanuela Breda

Motivazione e scopi della fondazione dello Shorinji Kempo

Ecco una personale risposta ad un quesito teorico dell’esame di cintura di Shorinji Kempo, disciplina marziale giapponese

Sui déjà vu e sul fenomeno della prescienza

Recenti ricerche hanno portato alla luce che il 60% della popolazione mondiale ha avuto un déjà vu almeno una volta nella propria vita. Ma cosa si nasconde dietro questo strano fenomeno? Per la prima volta in Italia ecco una ricerca completa ed esaustiva a riguardo. Sarai pronto ad affrontare questo percorso verso la “Verità”?

Forse

Nessuno sa dove andremo, soprattutto se aspetti che sia qualcuno a darti le indicazioni

Sull’essenza dannata del ricercatore

Più si va avanti nella ricerca e più la consapevolezza dell’infelicità si fa chiara. “Perchè?”: è questa parola magica a segnare l’inizio di questo viaggio tra telos, istinti, felicità e ricerca.

Swarovski

Gli ultimi raggi del sole fanno brillare gli aspetti più reconditi della strada; il mondo ora risplende orridamente sotto quest’occhio di bue.

L’anima perduta

Spesso abbiamo bisogno di soffrire per scoprire quanto è bello emozionarsi ed emozionare: vivere.

La permanenza dell’Io

Un flusso di coscienza ci porta in viaggio: dal tormentoso mare del “panta rei” eracliteo all’annichilimento dei sostrati dell’Io. Tutto ciò per arrivare nella pianura della nostra Coscienza intima: la nostra vera identità. Una poesia che segna l’atto primo di un Ricercatore del Tutto.

Dal mondo del pensiero

“Lasciate cadere ciò che vuole cadere; se lo trattenete, vi trascinerà con sé” Carl Gustav Jung

Poesia senza titolo per un amore non corrisposto

L’amore a volte strappa il titolo perfino ad una poesia. Ed essa rimane lì, inerte, sperando di essere riportata in vita da un lettore ignoto. Scopri l’emozione e resuscita l’amore perduto.

Jesus: the first modern coach in the history of mankind

The figure of the coach seems to have become a trend, but where does it arise from? What are the parallelisms with the Socratic method? And again: is there any connection between Socrates and Jesus? Did the last one really exist?

>
error: Attenzione: Il contenuto è protetto da copyright!