Il Perseo Caduto

 

Canta il silenzio

l’asma del bimbo custode

fra i clacson fiore di cipresso a primavera.

I cancelli spalancati annunciano

l’imminente clausura.

Scappa di terrore di ritrovata libertà

la vecchia senza saluti né ringraziamenti.

I gemelli si ritrovano nel giardino degli aranci.

Il citofono pare addormentato,

l’armonica a bocca lo spalancherà

come un colpo di tosse clandestino

reso e arreso all’Amore di ieri, ormai sotto gli occhi di tutti.

Aperitivi, baristi e severe carabiniere in divisa

sorridono al Perseo Angelo Caduto.

Labirinti di lapidi bruciate dall’inverno

si dipanano come sentieri alveolo di bronco a metà.

Due respiri stanno per ritrovarsi.

Gemelli diversi di un destino concentrico cerchio di quercia

danzano l’uno verso l’altra

su pagine di una storia Antica tutta da scrivere.

Nel cuore si fa strada, timida, una dedica autistica.

Un giorno nuovo, un’alba che tarda.

Un fremito di pigiama sgualcito.

Una farfalla in trepida attesa sorride all’ignoto. 

Lupo Raffaella

L’arte in quanto tale

Cosa rimane dell’arte quando scaviamo oltre la superficie di un quadro? Cos’è l’essenza che rende l’arte tale?

Dal mondo del pensiero

“Lasciate cadere ciò che vuole cadere; se lo trattenete, vi trascinerà con sé” Carl Gustav Jung

Sull’essenza dannata del ricercatore

Più si va avanti nella ricerca e più la consapevolezza dell’infelicità si fa chiara. “Perchè?”: è questa parola magica a segnare l’inizio di questo viaggio tra telos, istinti, felicità e ricerca.

Gesù: il primo coach moderno nella storia dell’umanità

La figura del coach sembra essere divenuta una moda, ma da dove trae le sue origini? Quali sono i parallelismi con il metodo socratico? E ancora: vi è un qualche collegamento tra Socrate e Gesù? Quest’ultimo è davvero esistito?

Ama

È quando c’è più bisogno di amore che occorre amare. In quel momento l’amore si moltiplica perché ha necessità di amare e farsi amare per imprimersi nel profondo.

Il giorno in cui l’uomo contradisse se stesso

La nostra percezione è basata sulla dualità: qualcosa è o non è. Aristotele denominò questo principio logico “principio di non contraddizione” e noi uomini lo abbiamo posto come fondamenta per il nostro edificio del sapere. Tremiamo, dunque, perché la dualità così come la concepiamo logicamente è giunta alla sua estinzione. Un breve scritto giovanile stilato per un concorso alla Scuola Normale Superiore di Pisa che dà uno spiraglio di luce ad una teoria scientifica sul concetto di “anima”.

Penso

Sento che la nostra anima è qualcosa di meravigliosamente complessa.
Attenzione al tentativo di capirla, già di per sé, può essere un viaggio complesso ed entusiasmante. Amore e odio, il bianco ed il nero che convivono nell’entità dell’uomo.

La caduta degli dèi

Chaos si avvicina, Zeus crolla con l’Olimpo, Apollo si spegne, Chronos è ridotto in schiavitù, Artemide muore a caccia, Eolo è statico, Atena si nasconde, Afrodite viene uccisa da un amante, Poseidone è una statua di sale, Ares muore per vendetta, Ermes cade in picchiata, persino il dio monoteistico abbraccia Dioniso, Era ed Efesto si consegnano da soli ad Ade, egli stesso è affranto. Ora che abbiamo ucciso tutti gli dèi ci aspetta evoluzione o regressione?

Sei

Come annegare in un oceano d’aria per provare a definire chi Sei

Sul monopolio delle emozioni e sulle catene della volontà

Siamo in guerra. Una guerra invisibile per il dominio delle nostre emozioni. La nostra autentica personalità viene ogni giorno incatenata inconsapevolmente da noi stessi. La prima arma di difesa è la conoscenza. Ecco racchiusa in una sintetica ricerca italiana tutto ciò che c’è da sapere sul come evitare di rimanere delle macchine prima che sia troppo tardi.

>
error: Attenzione: Il contenuto è protetto da copyright!