La caduta degli dèi

Chaos

Fortuna avesti

Così non eri:

sarai.

 

Niente toccherà,

nulla sfiorerà,

tutto sparirà.

 

Dall’oscuro, solo, ti avvii

In un abbraccio da profondi artigli:

sangue annichilito affini

e nel sonno in silenzio sbadigli.

 

Perpetue onde domenicali,

unico signore, ora solo

il nulla

ha un senso.

I figli stan chiamando:

piangono.

 

Zeus

La montagna vien giù

Sacro suolo di blasfemia

Si sgretola

Parnaso gioisce, l’Olimpo subisce.

 

Il naso fiuta un non essere

Solitudine, angoscia, paura.

 

Te paura, dio degli dei?

Ciò che tu creasti or ti distrugge,

qual profondo piacere provasti

nell’esprimere la profezia sul padre?

Ora è il figlio del padre a morire:

PERISCI.

 

Gli uomini han la saetta

Rivolta su di te, minaccia

Una rivolta che ti caccia

La luna si sta spegnendo…

 

Apollo?

Ma che ispiri?

Ormai sol caluggine respiri.

I condotti di calcare devastano,

l’arte non seda più.

L’han capito: catarsi è menzogna

Non è la luna,

Apollo va:

il buio viene.

 

La consapevolezza ti ha reso schiavo,

Chronos, ormai ci appartieni

Speravi non capissimo il relativo?

Il ribelle va ringraziato:

con saetta e tempo domiamo.

Che Prometeo sia lodato!

 

Al buio vediam meglio,

il silenzio ci parla

Oh, Artemide che or

Vien cacciata.

 

Zeus è caduto, con lui il monte;

i dischi han fallito.

Apollo si è spento, Eolo

Soffia sempre più piano:

statico.

 

L’immobile divien dinamico

Per forza di animal natura

Atena, non fuggire.

Stai nel mare con lo zio?

Zanzara succhiatrice,

Afrodite la meretrice.

Basta inganni, l’amor

Non è.

 

Scopi ancora con l’ultimo uomo?

È lui che ti assassina:

sangue.

 

Il mare ti sputa, così

Atene muor annegata.

Poseidone è una roccia di

Sale, gli uomini gli sputano.

 

Dovevam immaginarlo

Ares

Di trovarti nel sonno

Col pugnal fatato

In petto.

Vendetta alla vendetta.

 

Ermes con le scarpe è

Caduto, vien picchiato.

Bastoni gli trafiggono

Il cor.

 

Bestemmia vivente,

finto monoteismo, scappi con

Dionisio?

 

Geova o Allah che sia

Fai bene, crepa nel vino.

Morite di malattia,

condanna del senso.

 

Era ed Efesto van da Ade

Non san che già son periti:

lo stesso cuor si è rifiutato.

 

Solo confusione

Ade ha tutti lì:

non si può viver

da dittatore.

 

Scendi e lascia che

Il trono

Ti schiacci.

 

Un mondo senza

Dei…

 

Chaos sei fregato.

Gli uomini son nuovi dei.

L’equilibrio rimarrà:

morti son tutti.

 

La caduta degli dei

L’ascesa degli uomini.

Siam sicuri?

Oh ribelle, noi stiam con te.

Lupo Stefano   

   

Gesù: il primo coach moderno nella storia dell’umanità

La figura del coach sembra essere divenuta una moda, ma da dove trae le sue origini? Quali sono i parallelismi con il metodo socratico? E ancora: vi è un qualche collegamento tra Socrate e Gesù? Quest’ultimo è davvero esistito?

L’Aurora e La Porta

Un percorso lungo la temporalità. Dai primi versi sbocciati nel 1995 all’attraversamento di un Porta al di la dello spazio e del tempo. Cosa ci aspetterà in questo eterno viaggio?

L’attesa nella malinconia

Cos’è l’attesa se essa è accompagnata dalla malinconia?

Il Pensiero dalla strada

Una riflessione in merito alla natura del male

L’anima perduta

Spesso abbiamo bisogno di soffrire per scoprire quanto è bello emozionarsi ed emozionare: vivere.

I cinesi sono tutti uguali?

Ma i “cinesi” sono veramente tutti uguali? Esistono degli studi scientifici alla base di questo stereotipo?
Quali fenomeni sociali possono stare alla base dell’omologazione agli standard di bellezza? Scopriamolo insieme!

Non ti aprirò

Un viaggio fatto di voci, ricordi, odori nei meandri più profondi di sè, fino a giungere dinnanzi ad una porta: una chiusura che lascia aperte mille riflessioni

Perché scrivere?

Quante volte hai sentito la necessità di buttare fuori in qualche modo quel groviglio di emozioni e stimoli che ti tieni dentro?
Ognuno di noi ha bisogno di dar sfogo al proprio impulso creativo, ma in che modo farlo?
Vale davvero la pena condividere con gli altri quello che abbiamo “creato”?

Storia di una lacrima

Una lacrima scendendo dolcemente lunga la guancia descrive il suo ineluttabile tragitto.

Sui déjà vu e sul fenomeno della prescienza

Recenti ricerche hanno portato alla luce che il 60% della popolazione mondiale ha avuto un déjà vu almeno una volta nella propria vita. Ma cosa si nasconde dietro questo strano fenomeno? Per la prima volta in Italia ecco una ricerca completa ed esaustiva a riguardo. Sarai pronto ad affrontare questo percorso verso la “Verità”?

>
error: Attenzione: Il contenuto è protetto da copyright!