La permanenza dell'Io

Una pubblicazione di Lupo Stefano

La permanenza dell’Io

Passo accanto ad una lastra.

L’ammiro, la esamino, la imprimo nella mia mente.

È così e basta.

Ma perché è così?

È lì come pietra inutile o serve a qualcosa? E se serve, qual è la sua funzione? Per chi, per cosa è lì?

E noi serviamo a qualcosa o siamo come quella lastra inerte?

Servire… Brutta parola.

Non bisogna avere per forza un’utilità, basta esistere.

E se l’esistenza fosse la ragion ultima della vita?

E se fosse il senso di tutto?

 

Vado e poi torno.

 

Ecco ancora quella lastra.

È lì, non si è mossa.

Ma è sempre la stessa?

E se fosse diversa?

Il sole l’ha illuminata, il vento l’ha scolpita.

Allora non è la stessa.

Anche se solo per un granello di materia, lei è diversa.

Non è la stessa lastra.

Le assomiglia, ma non lo è.

 

Tutto cambia.

 

E chi sono io?

Cambio sempre, ma sono io.

Le cellule cambiano, ma sono io.

Io chi?

Io, te.

Te, l’amore.

 

Siamo noi.

 

L’essere allora non è condizionato al mutamento.

Il pensiero lo è.

Noi no.

L’amore no.

Tutto cambia.

L’amore resta

Cresce

Evolve

Gioisce

Crea

Illumina

Vive

È

 

 Il nulla cambia.

Fuori è il nulla. 

Ma dentro:

 il tutto resta.

L’amore resta. 

L’amore è il tutto.

Lupo Stefano   

   

Il Foglio Bianco

Abbiamo cambiato il foglio di carta con un foglio digitale. Pronto ad essere spento in un attimo e perduto per sempre.

Questo remoto attuale

Quando il passato si ripresenta nel presente, lo fa con un’attualità sconcertante. La dicotomia decade e gli errori del passato si ripresentano qui, ora. La ripresa di una poesia del passato ci ripropone un quesito eterno: cosa vuol dire evolversi?

Sull’ontogenesi della persona

“Da dove veniamo” è una delle domande che qualunque essere umano si è posto almeno una volta nella vita. Cosa succede se questa domanda viene rivolta a ciò che siamo? Da dove proviene la persona che siamo? è conseguenza di un’anima, di uno spirito, di una mente o di una convenzione? Nella seguente pubblicazione si tenterà di tracciare, grazie alle ultime scoperte della fenomenologia, un percorso che, dal nulla, arrivi a toccare ciò che siamo.

Voci

Voci affilano parole per affrontare il silenzio in battaglia

Tra verità ed illusione

Ti sei mai chiesto se quello che vivi è la verità di ciò che sei o è semplicemente quello che tu vuoi credere?

Perché scrivere?

Quante volte hai sentito la necessità di buttare fuori in qualche modo quel groviglio di emozioni e stimoli che ti tieni dentro?
Ognuno di noi ha bisogno di dar sfogo al proprio impulso creativo, ma in che modo farlo?
Vale davvero la pena condividere con gli altri quello che abbiamo “creato”?

Le Avanguardie

Il Novecento può dirsi il secolo delle avanguardie – nel senso che da esse derivano i tratti che meglio caratterizzano il percorso della contemporaneità.

Vorrei ricordare

Come le onde del mare, il tempo scandisce a ritmi più o meno regolari le nostre esistenze: uniche e indispensabili per noi, del tutto marginali per l’evoluzione dell’Uomo.

Il Cercatore

Conosci il Cercatore? Il vivo tra i morti, la luce nel buio. Egli ricercava disperatamente gli sguardi altrui, una qualche forma di riconoscenza, una prova di esistenza. Poi, un giorno, tutto cambiò. Il Cercatore, il Minotauro raggiunse la consapevolezza, la piena autenticità. Fu così che tramutò.

Poesia senza titolo per un amore non corrisposto

L’amore a volte strappa il titolo perfino ad una poesia. Ed essa rimane lì, inerte, sperando di essere riportata in vita da un lettore ignoto. Scopri l’emozione e resuscita l’amore perduto.

>
error: Attenzione: Il contenuto è protetto da copyright!