La permanenza dell'Io

Una pubblicazione di Lupo Stefano

La permanenza dell’Io

Passo accanto ad una lastra.

L’ammiro, la esamino, la imprimo nella mia mente.

È così e basta.

Ma perché è così?

È lì come pietra inutile o serve a qualcosa? E se serve, qual è la sua funzione? Per chi, per cosa è lì?

E noi serviamo a qualcosa o siamo come quella lastra inerte?

Servire… Brutta parola.

Non bisogna avere per forza un’utilità, basta esistere.

E se l’esistenza fosse la ragion ultima della vita?

E se fosse il senso di tutto?

 

Vado e poi torno.

 

Ecco ancora quella lastra.

È lì, non si è mossa.

Ma è sempre la stessa?

E se fosse diversa?

Il sole l’ha illuminata, il vento l’ha scolpita.

Allora non è la stessa.

Anche se solo per un granello di materia, lei è diversa.

Non è la stessa lastra.

Le assomiglia, ma non lo è.

 

Tutto cambia.

 

E chi sono io?

Cambio sempre, ma sono io.

Le cellule cambiano, ma sono io.

Io chi?

Io, te.

Te, l’amore.

 

Siamo noi.

 

L’essere allora non è condizionato al mutamento.

Il pensiero lo è.

Noi no.

L’amore no.

Tutto cambia.

L’amore resta

Cresce

Evolve

Gioisce

Crea

Illumina

Vive

È

 

 Il nulla cambia.

Fuori è il nulla. 

Ma dentro:

 il tutto resta.

L’amore resta. 

L’amore è il tutto.

Lupo Stefano   

   

Forse

Nessuno sa dove andremo, soprattutto se aspetti che sia qualcuno a darti le indicazioni

Vorrei ricordare

Come le onde del mare, il tempo scandisce a ritmi più o meno regolari le nostre esistenze: uniche e indispensabili per noi, del tutto marginali per l’evoluzione dell’Uomo.

Il giorno in cui l’uomo contradisse se stesso

La nostra percezione è basata sulla dualità: qualcosa è o non è. Aristotele denominò questo principio logico “principio di non contraddizione” e noi uomini lo abbiamo posto come fondamenta per il nostro edificio del sapere. Tremiamo, dunque, perché la dualità così come la concepiamo logicamente è giunta alla sua estinzione. Un breve scritto giovanile stilato per un concorso alla Scuola Normale Superiore di Pisa che dà uno spiraglio di luce ad una teoria scientifica sul concetto di “anima”.

L’arte in quanto tale

Cosa rimane dell’arte quando scaviamo oltre la superficie di un quadro? Cos’è l’essenza che rende l’arte tale?

Sull’essenza dannata del ricercatore

Più si va avanti nella ricerca e più la consapevolezza dell’infelicità si fa chiara. “Perchè?”: è questa parola magica a segnare l’inizio di questo viaggio tra telos, istinti, felicità e ricerca.

Penso

Sento che la nostra anima è qualcosa di meravigliosamente complessa.
Attenzione al tentativo di capirla, già di per sé, può essere un viaggio complesso ed entusiasmante. Amore e odio, il bianco ed il nero che convivono nell’entità dell’uomo.

Gesù: il primo coach moderno nella storia dell’umanità

La figura del coach sembra essere divenuta una moda, ma da dove trae le sue origini? Quali sono i parallelismi con il metodo socratico? E ancora: vi è un qualche collegamento tra Socrate e Gesù? Quest’ultimo è davvero esistito?

Sui déjà vu e sul fenomeno della prescienza

Recenti ricerche hanno portato alla luce che il 60% della popolazione mondiale ha avuto un déjà vu almeno una volta nella propria vita. Ma cosa si nasconde dietro questo strano fenomeno? Per la prima volta in Italia ecco una ricerca completa ed esaustiva a riguardo. Sarai pronto ad affrontare questo percorso verso la “Verità”?

Il concetto di Memorie Magnetiche di matrice Eterica con la loro influenza sull’Essere Umano all’interno della realtà Olografica

Siamo convinti che la realtà che viviamo non celi qualcosa di misterioso oltre? Incontrando qualche teoria scientifica e olistica si potrebbe scorgere al di là di ogni barriera.

Storia di una lacrima

Una lacrima scendendo dolcemente lunga la guancia descrive il suo ineluttabile tragitto.

>
error: Attenzione: Il contenuto è protetto da copyright!