L'arte in quanto tale

Una pubblicazione di Lupo Donato

L’arte in quanto tale

Ecco la rappresentazione di Arte.
In questo tipo di arte l’uomo può e deve identificarsi come parte centrale della rappresentazione contemplata nella stessa opera, dove il proprio giudizio è parte integrante dell’opera. Le idee e le rappresentazioni dell’artista, rispecchiate nella rappresentazione individuale della realtà soggettiva.
Non si dica mai di arte uno scarabocchio la cui interpretazione debba essere affidata a falsi Dei di altri mondi.

Personalmente trovo affascinate il racconto dell’artista che rappresenta a mio modo di vedere, interpretare e raccontare secondo la mia rappresentazione del mondo.
Una giovine che semi vestita scopre gambe dritte proporzionalmente perfette con il resto del suo corpo e forse a dimostrare un equilibrio naturale. Ben poggiate in terra quasi a toccarsi i piedi. Le sue caviglie tendono alla ricerca continua di equilibrio tanto che solo i talloni forti e morbidi le danno ora sostegno. tuttavia la sua postura ricerca ancora un ancoraggio “terreno” con la mano destra, la mano della forza, il posto ambito, “la destra del Padre.”
La sinistra invece accarezza il dio Bacco capace di trasportarti nel mondo dell’oblio non permanente. Una dimensione onirica dalla quale si può tornare . E’ un viaggio sensoriale della mente con la certezza del ritorno. Ecco che le ancore dei piedi e della mano destra sono forti e si preparano al ritorno del senno che invece, come possiamo vedere, è completamente immerso nella dimensione del sogno, dell’universo che più aggrada in quel momento all’umile sognatrice.

Ecco quindi che l’Arte diviene Arte quando suscita nell’interlocutore una emozione che può essere descritta come vincolata e vissuta.

 

Lupo Donato

Il giorno in cui l’uomo contradisse se stesso

La nostra percezione è basata sulla dualità: qualcosa è o non è. Aristotele denominò questo principio logico “principio di non contraddizione” e noi uomini lo abbiamo posto come fondamenta per il nostro edificio del sapere. Tremiamo, dunque, perché la dualità così come la concepiamo logicamente è giunta alla sua estinzione. Un breve scritto giovanile stilato per un concorso alla Scuola Normale Superiore di Pisa che dà uno spiraglio di luce ad una teoria scientifica sul concetto di “anima”.

Poesia senza titolo per un amore non corrisposto

L’amore a volte strappa il titolo perfino ad una poesia. Ed essa rimane lì, inerte, sperando di essere riportata in vita da un lettore ignoto. Scopri l’emozione e resuscita l’amore perduto.

Cosa cambierà il mondo?

Abbiamo chiesto a Lupo Mario di rispondere alla domanda “Cosa cambierà il mondo?” nel suo podcast pubblico dal titolo “Tra filosofia e coaching”. Cosa avrà risposto? Scopriamolo insieme!

Swarovski

Gli ultimi raggi del sole fanno brillare gli aspetti più reconditi della strada; il mondo ora risplende orridamente sotto quest’occhio di bue.

Perché scrivere?

Quante volte hai sentito la necessità di buttare fuori in qualche modo quel groviglio di emozioni e stimoli che ti tieni dentro?
Ognuno di noi ha bisogno di dar sfogo al proprio impulso creativo, ma in che modo farlo?
Vale davvero la pena condividere con gli altri quello che abbiamo “creato”?

L’errore della soggettività

Le cattive abitudini applicate alla Vita dell’inconscio.

L’attesa nella malinconia

Cos’è l’attesa se essa è accompagnata dalla malinconia?

Sull’essenza dannata del ricercatore

Più si va avanti nella ricerca e più la consapevolezza dell’infelicità si fa chiara. “Perchè?”: è questa parola magica a segnare l’inizio di questo viaggio tra telos, istinti, felicità e ricerca.

Il Perseo Caduto

Un malinconico quanto affascinante epilogo dell’eroe greco che si trasforma in un nuovo inizio

L’Aurora e La Porta

Un percorso lungo la temporalità. Dai primi versi sbocciati nel 1995 all’attraversamento di un Porta al di la dello spazio e del tempo. Cosa ci aspetterà in questo eterno viaggio?

>
error: Attenzione: Il contenuto è protetto da copyright!