Il Novecento può dirsi il secolo delle avanguardie – nel senso che da esse derivano i tratti che meglio caratterizzano il percorso della contemporaneità.

Eccone un’interpretazione personale che tratteggia i principali aspetti delle avanguardie artistiche:

Le avanguardie

Le avanguardie sono il Novecento. Sono i soldati in prima linea dello sbarco in Normandia, sono la breve ma intensa corsa allo scoperto contro la staticità della trincea, sono il coraggio di farsi avanti e capovolgere gli esiti di un conflitto contro ciò che fino a quel momento aveva dilagato in Europa, la culla dell’Arte.

Le avanguardie sono i sottomarini dell’età moderna comparate alle caravelle di Colombo, sono la scoperta che va oltre la superficie dell’acqua, oltre l’inspiegabile, oltre il semplice riflesso di un’arte passata che, nell’ammirare la bellezza e nel volerla emulare, si suicida come Narciso senza accorgersi di essere lei stessa ciò che stava cercando.

Le avanguardie sono l’emergere della forza vitale, dello spirito dionosiaco di cui parla Nietzsche, sono l’accogliere questa essenza e il suo manifestarsi irrazionale e caotico, che tuttavia esprimono meglio il concetto di arte, contro le costrizioni razionali del passato che invece, nel voler allontanare questo caos, erano loro stesse matrici di irrazionalità e confusione.

Le avanguardie sono l’acutezza di saper cogliere più facce di uno stesso dado nella medesima raffigurazione, contro la prospettiva che paradossalmente schiacciava la realtà: perchè di fronte ad un cubo di Rubik apparentemente non completo, come potevano essere i dipinti di Picasso, si cercava di trovare la soluzione senza però comprenderne il processo, mentre invece il Cubismo, oltre ad ampliare la visione sulle diverse facce del cubo, mira inoltre a capirne il meccanismo.

Giallo, rosso, blu di V.V.Kandisky

Le avanguardie sono la scoperta della natura ondulatoria della luce, del movimento continuo, della dinamicità delle cose anche quando a noi appaiono ferme; esse sono il fascino per il progresso, per l’innovazione, come manifestato dai futuristi, contro un’inconcludente mortificazione della vita, e quindi dell’arte stessa, nel guardare il passato: come Medusa nel quadro di Caravaggio, che nonostante le sue doti ha essa stessa lo sguardo pietrificato. Esse sono proprio il distogliere questo sguardo, il suo capovolgersi come con il Dadaismo.

Le avanguardie sono le conseguenti teorie di Einstein, la relatività, il crescere dei punti di vista e la rivalutazione della soggettività contro l’oggettività di un’unica possibile interpretazione, sono il calare le rappresentazioni nel tempo. Esse rappresentano l’inconscio di Freud, questo emergere di sogno e irrazionale che troviamo nel Surrealismo, l’accettare l’esistenza di una realtà anche se non la vediamo, come nei dipinti astrattisiti: si tratta proprio di questa capacità di astrarre l’arte da noi.

Lupo Lorenzo

Vorrei ricordare

Come le onde del mare, il tempo scandisce a ritmi più o meno regolari le nostre esistenze: uniche e indispensabili per noi, del tutto marginali per l’evoluzione dell’Uomo.

Non m’illudo, padre…

Quando grandi cambiamenti portano a grandi consapevolezze

Narc.iso

Narciso non è mai morto. Egli ha cambiato forma divenendo sempre più raffinato e irresistibile. È divenuto un programma invisibile, un file informatico: narc.iso. State attenti, o uomini, perché presto annegherete negli specchi neri dei vostri schermi tanto funzionali quanto inutili e schiavizzanti. Solo l’Arte può liberarci da questa catena soffocante. Diveniamo dunque Arte, insieme.

Sconosciuti

Qui, da fermi, osservando oggetti da cui perdiamo il contatto si scopre come essi non siano più cose ma apparizioni senza significato e nome

Il Pensiero dalla strada

Una riflessione in merito alla natura del male

Questo remoto attuale

Quando il passato si ripresenta nel presente, lo fa con un’attualità sconcertante. La dicotomia decade e gli errori del passato si ripresentano qui, ora. La ripresa di una poesia del passato ci ripropone un quesito eterno: cosa vuol dire evolversi?

Serenità

Alla ricerca della serenità..

Col Vento

Cosa succederebbe se fluissimo in armonia con il vento?

Sui déjà vu e sul fenomeno della prescienza

Recenti ricerche hanno portato alla luce che il 60% della popolazione mondiale ha avuto un déjà vu almeno una volta nella propria vita. Ma cosa si nasconde dietro questo strano fenomeno? Per la prima volta in Italia ecco una ricerca completa ed esaustiva a riguardo. Sarai pronto ad affrontare questo percorso verso la “Verità”?

Il Perseo Caduto

Un malinconico quanto affascinante epilogo dell’eroe greco che si trasforma in un nuovo inizio

>
error: Attenzione: Il contenuto è protetto da copyright!