Penso,
sento,

che la nostra anima è qualcosa di meravigliosamente complessa. In un momento gode nel vivere intensamente, gioisce delle emozioni positive che riceve dagli altri e che ad altri dona senza nulla a pretendere. Gioisce nel dare conforto e alleviare, dove può, qualche piccola sofferenza.

In altri momenti sembra perdersi nel silenzio. E più si perde nel silenzio della propria mente, tanto più ciò lo ama e ama perdersi in esso tanto da desiderare per sé tutto questo come l’unica realtà in cui è sua volontà perpetrare, consumare ed esistere.

Nel silenzio, che spesso silenzio non è, ma che appare come tale perché scava nel profondo del nostro io; e più scava tanto più scopre nuove realtà, emozioni ed Idee di cui ignorava d’ essere in possesso.
Amare l’infinito: amare il mistero che attorno ad esso persiste con l’intensità di chi osserva un monumento funebre bello, coperto da una coltre di domande senza risposte di argomenti a noi sconosciuti; ed ecco, in quel silenzio nascono e vivono le domande che più ci avvicinano al mondo che non c’è.
Chi sono? Dove andrò? Come lo farò! E sarà per sempre?! O magari sarà un tutt’uno senza ricordo e senza senno!

Forse tornerò, senza memoria, nella realtà mondana di qualcun’altro che già vive dentro di me e che forse già mi ha suggerito tutte le risposte.

Chi sono io? E cosa posso decidere in questa vita? Esiste già la mia strada? La mia percorrenza è scandita da ricordi e Déjà vu?

 

Lupo Donato

Sulla schiavitù dell’umanità

Esiste il libero arbitrio? E se sì, qual è la sua portata? A queste domande hanno cercato una risposta innumerevoli Liberi Pensatori che sembrano non aver raggiunto una soluzione. Ecco esposta, in questa pubblicazione, una rivoluzionaria teoria che potrebbe segnare una svolta al problema del libero arbitrio. Sei pronto ad affrontare questo viaggio nel labirinto?

L’arte in quanto tale

Cosa rimane dell’arte quando scaviamo oltre la superficie di un quadro? Cos’è l’essenza che rende l’arte tale?

Col Vento

Cosa succederebbe se fluissimo in armonia con il vento?

Sul tempo dei filosofi

Cos’è il tempo? Esiste o è solo una percezione umana? Il mistero del tempo si tramanda dagli albori del pensiero umano. Cercheremo insieme di dare una sbirciatina alla moderna filosofia del tempo cercando una teoria che possa essere una soluzione a questo perenne e affascinante mistero.

Sul nichilismo ontologico

Dove finisce la mia mente ed inizia il resto del mondo? Cosa è reale e cosa no? Atomi, quanti, stringhe, monadi: cosa fonda davvero la realtà? Le scoperte degli ultimi anni sembrano convergere verso una nuova teoria in grado di sconvolgere per sempre il modo di concepire la realtà che ci circonda.

Vuoti d’Aria

Un rapporto intimo tra corpo e natura, silenzi e colori

Sull’ontogenesi della persona

“Da dove veniamo” è una delle domande che qualunque essere umano si è posto almeno una volta nella vita. Cosa succede se questa domanda viene rivolta a ciò che siamo? Da dove proviene la persona che siamo? è conseguenza di un’anima, di uno spirito, di una mente o di una convenzione? Nella seguente pubblicazione si tenterà di tracciare, grazie alle ultime scoperte della fenomenologia, un percorso che, dal nulla, arrivi a toccare ciò che siamo.

Le Avanguardie

Il Novecento può dirsi il secolo delle avanguardie – nel senso che da esse derivano i tratti che meglio caratterizzano il percorso della contemporaneità.

Chicco di sabbia

Perdendosi in un mare di sabbia si scopre il viaggio di un singolo granello

“Rivelazione” – Messaggio dalla coscienza

Un viaggio della coscienza che da Pascal arriva a Schopenhauer, Bruno, Jung e alla filosofia orientale. Tutto è iniziato con l’unificazione di alcune loro riflessioni. Tutto si è compiuto con la constatazione della natura umana.

>
error: Attenzione: Il contenuto è protetto da copyright!