Sei

 

Sei la fame d’aria,

il precipizio nel respiro,

battito che salta

toglie il fiato

atterra

buca il cuore.

Insaziabile crepaccio fetale

che inghiotte

ogni pensiero orfano di bianco.

Sei il blu che affoga le ossa

nelle notti matrigne a cui imploro silenzio.

Boccata e vuoto d’aria

di tuffo interminabile.

Sei il vento che accarezza frena e gela ogni bracciata.

Lo scoglio assolato e scivoloso

a cui aggrappo i sospiri esausti.

Sei eco di fondale

nella lotta fra veglia e sonno

sordo vortice in cui precipita,

stonando, il canto dell’acqua.

Densa spirale di illusione, digiuna contorsione di serpente

risveglio inconsolabile che frantuma ogni sentiero

leggero di sogno.

Miraggio traditore di ipnotiche carezze

Acquolina infranta

di mani che mi vestono di frammenti d’amore,

coriandoli di copione di un’altra me.

Lupo Raffaella

Narc.iso

Narciso non è mai morto. Egli ha cambiato forma divenendo sempre più raffinato e irresistibile. È divenuto un programma invisibile, un file informatico: narc.iso. State attenti, o uomini, perché presto annegherete negli specchi neri dei vostri schermi tanto funzionali quanto inutili e schiavizzanti. Solo l’Arte può liberarci da questa catena soffocante. Diveniamo dunque Arte, insieme.

L’anima perduta

Spesso abbiamo bisogno di soffrire per scoprire quanto è bello emozionarsi ed emozionare: vivere.

Il giocoliere delle anime

Quando Black Mirror diventa realtà

Non ti aprirò

Un viaggio fatto di voci, ricordi, odori nei meandri più profondi di sè, fino a giungere dinnanzi ad una porta: una chiusura che lascia aperte mille riflessioni

Poesia senza titolo per un amore non corrisposto

L’amore a volte strappa il titolo perfino ad una poesia. Ed essa rimane lì, inerte, sperando di essere riportata in vita da un lettore ignoto. Scopri l’emozione e resuscita l’amore perduto.

Il Cercatore

Conosci il Cercatore? Il vivo tra i morti, la luce nel buio. Egli ricercava disperatamente gli sguardi altrui, una qualche forma di riconoscenza, una prova di esistenza. Poi, un giorno, tutto cambiò. Il Cercatore, il Minotauro raggiunse la consapevolezza, la piena autenticità. Fu così che tramutò.

Gattamorta

Gattamorta Lasciatela dormire. È sazia, non ha fame di giochi né di caccia. Sopito il desiderio.   Come acqua stagnante, spuma di cascata che a fine corsa riposa, sazia di affanno, paga di viaggio compiuto, è il suo dormire.   Portoni schiusi verso giardini...

Sei

Come annegare in un oceano d’aria per provare a definire chi Sei

Sulla schiavitù dell’umanità

Esiste il libero arbitrio? E se sì, qual è la sua portata? A queste domande hanno cercato una risposta innumerevoli Liberi Pensatori che sembrano non aver raggiunto una soluzione. Ecco esposta, in questa pubblicazione, una rivoluzionaria teoria che potrebbe segnare una svolta al problema del libero arbitrio. Sei pronto ad affrontare questo viaggio nel labirinto?

La permanenza dell’Io

Un flusso di coscienza ci porta in viaggio: dal tormentoso mare del “panta rei” eracliteo all’annichilimento dei sostrati dell’Io. Tutto ciò per arrivare nella pianura della nostra Coscienza intima: la nostra vera identità. Una poesia che segna l’atto primo di un Ricercatore del Tutto.

>
error: Attenzione: Il contenuto è protetto da copyright!