Storia di una lacrima

Una pubblicazione di Lupo Donato

Storia di una lacrima

Nasce da lontano.
Inizia lieve nello stomaco,
Giocherellando, tremola sul diaframma.
Le guance rosse discutono animatamente con le orecchie e le sopracciglia. Le gambe fanno un gioco di eterno movimento, fanno a gara con lo sfregare delle mani.
La gola inizia a richiamare su, questo enorme masso di granito spigoloso che dolore su dolore, parola su parola, pensiero sopra racconto, sopra solitudine è stato scolpito nella cava di Efesto dal più scalcinato degli artisti. Lo attrae a sè, lo fissa con un abbraccio e lo stringe accanto al cuore.
Il cuore è debole; delicato, uno scrigno di cartapesta d’oro e d’argento che custodisce quest’Anima in pena.

Le palpebre non cedono… trattengono. Ma quando le labbra intonano il canto del dolore, danno il loro tacito consenso e lei allora nasce. Finalmente come sfogo finale come ultima lunga disperata caduta verso il baratro. Dentro quella scala nera senza fine.
Lei è carica, porta con sé l’angoscia dell’anima, la nausea dello stomaco, il tremolo del diaframma il dolore della Vita che, proprio perché meravigliosa, sa colpire molto duro.

Qual è allora la lacrima più importante?
Qual è allora la lacrima più carica? Pesante! Dolorosa!
Non la prima, non la seconda, nessuna fra queste e neanche fra quelle della Dea Speranza.
Fuorché l’ultima. Lei arriva senza chiederlo e senza annunciazione. Spesso dopo molti giorni.
Porta con sé tutti i mali e le angosce delle precedenti, ma è l’unica a portare il silenzio, che custodisce lo scrigno fatto di rassegnazione, contenete l’unico vero Artista della medicina; della malinconia. Colui che saprà mitigare, nascondere, travestire, mascherare senza mai dimenticare:
il Tempo.

 

Lupo Donato

Gesù: il primo coach moderno nella storia dell’umanità

La figura del coach sembra essere divenuta una moda, ma da dove trae le sue origini? Quali sono i parallelismi con il metodo socratico? E ancora: vi è un qualche collegamento tra Socrate e Gesù? Quest’ultimo è davvero esistito?

L’errore della soggettività

Le cattive abitudini applicate alla Vita dell’inconscio.

Sul monopolio delle emozioni e sulle catene della volontà

Siamo in guerra. Una guerra invisibile per il dominio delle nostre emozioni. La nostra autentica personalità viene ogni giorno incatenata inconsapevolmente da noi stessi. La prima arma di difesa è la conoscenza. Ecco racchiusa in una sintetica ricerca italiana tutto ciò che c’è da sapere sul come evitare di rimanere delle macchine prima che sia troppo tardi.

Questo remoto attuale

Quando il passato si ripresenta nel presente, lo fa con un’attualità sconcertante. La dicotomia decade e gli errori del passato si ripresentano qui, ora. La ripresa di una poesia del passato ci ripropone un quesito eterno: cosa vuol dire evolversi?

The day in which the man contradicted himself

Our perception is based on duality: something is or isn’t. Aristotle named this logical principle “principle of non-contradiction” and we humans have put it as the foundation for our building of knowledge. We shiver, then, because the duality, as we logically conceive it, has come to its extinction. A short juvenile essay produced for a contest of the Scuola Normale Superiore of Pisa that gives a glimpse of light on a scientific theory on the concept of “soul”.

Sui déjà vu e sul fenomeno della prescienza

Recenti ricerche hanno portato alla luce che il 60% della popolazione mondiale ha avuto un déjà vu almeno una volta nella propria vita. Ma cosa si nasconde dietro questo strano fenomeno? Per la prima volta in Italia ecco una ricerca completa ed esaustiva a riguardo. Sarai pronto ad affrontare questo percorso verso la “Verità”?

Sei

Come annegare in un oceano d’aria per provare a definire chi Sei

Non m’illudo, padre…

Quando grandi cambiamenti portano a grandi consapevolezze

Sull’identità personale

Chi sono realmente? Qual è l’essenza che mi caratterizza e mi distingue dagli altri? Dall’arcaico “Conosci te stesso” quest’ossessione per l’identità personale non è mai venuta meno. Oggi, con secolari studi alle nostre spalle, possiamo forse dare qualche risposta a riguardo; ciò non solo al caso dell’identità personale ma dell’essenza dell’essere umano in generale.

Gattamorta

Gattamorta Lasciatela dormire. È sazia, non ha fame di giochi né di caccia. Sopito il desiderio.   Come acqua stagnante, spuma di cascata che a fine corsa riposa, sazia di affanno, paga di viaggio compiuto, è il suo dormire.   Portoni schiusi verso giardini...
>
error: Attenzione: Il contenuto è protetto da copyright!