Storia di una lacrima

Una pubblicazione di Lupo Donato

Storia di una lacrima

Nasce da lontano.
Inizia lieve nello stomaco,
Giocherellando, tremola sul diaframma.
Le guance rosse discutono animatamente con le orecchie e le sopracciglia. Le gambe fanno un gioco di eterno movimento, fanno a gara con lo sfregare delle mani.
La gola inizia a richiamare su, questo enorme masso di granito spigoloso che dolore su dolore, parola su parola, pensiero sopra racconto, sopra solitudine è stato scolpito nella cava di Efesto dal più scalcinato degli artisti. Lo attrae a sè, lo fissa con un abbraccio e lo stringe accanto al cuore.
Il cuore è debole; delicato, uno scrigno di cartapesta d’oro e d’argento che custodisce quest’Anima in pena.

Le palpebre non cedono… trattengono. Ma quando le labbra intonano il canto del dolore, danno il loro tacito consenso e lei allora nasce. Finalmente come sfogo finale come ultima lunga disperata caduta verso il baratro. Dentro quella scala nera senza fine.
Lei è carica, porta con sé l’angoscia dell’anima, la nausea dello stomaco, il tremolo del diaframma il dolore della Vita che, proprio perché meravigliosa, sa colpire molto duro.

Qual è allora la lacrima più importante?
Qual è allora la lacrima più carica? Pesante! Dolorosa!
Non la prima, non la seconda, nessuna fra queste e neanche fra quelle della Dea Speranza.
Fuorché l’ultima. Lei arriva senza chiederlo e senza annunciazione. Spesso dopo molti giorni.
Porta con sé tutti i mali e le angosce delle precedenti, ma è l’unica a portare il silenzio, che custodisce lo scrigno fatto di rassegnazione, contenete l’unico vero Artista della medicina; della malinconia. Colui che saprà mitigare, nascondere, travestire, mascherare senza mai dimenticare:
il Tempo.

 

Lupo Donato

Il Perseo Caduto

Un malinconico quanto affascinante epilogo dell’eroe greco che si trasforma in un nuovo inizio

Il Pensiero dalla strada

Una riflessione in merito alla natura del male

Il giocoliere delle anime

Quando Black Mirror diventa realtà

L’anima perduta

Spesso abbiamo bisogno di soffrire per scoprire quanto è bello emozionarsi ed emozionare: vivere.

Rinascita

Una poesia di stile idillico in cui la Verità diviene amante carnale. Il confine tra morte e nascita si assottiglia tanto da far sovrapporre i due concetti. L’orgasmo della Verità distrugge le ombre e le mostra per ciò che sono davvero: una complementarietà nascosta, segreta.

Narc.iso

Narciso non è mai morto. Egli ha cambiato forma divenendo sempre più raffinato e irresistibile. È divenuto un programma invisibile, un file informatico: narc.iso. State attenti, o uomini, perché presto annegherete negli specchi neri dei vostri schermi tanto funzionali quanto inutili e schiavizzanti. Solo l’Arte può liberarci da questa catena soffocante. Diveniamo dunque Arte, insieme.

L’Aurora e La Porta

Un percorso lungo la temporalità. Dai primi versi sbocciati nel 1995 all’attraversamento di un Porta al di la dello spazio e del tempo. Cosa ci aspetterà in questo eterno viaggio?

Il Foglio Bianco

Abbiamo cambiato il foglio di carta con un foglio digitale. Pronto ad essere spento in un attimo e perduto per sempre.

Il concetto di Memorie Magnetiche di matrice Eterica con la loro influenza sull’Essere Umano all’interno della realtà Olografica

Siamo convinti che la realtà che viviamo non celi qualcosa di misterioso oltre? Incontrando qualche teoria scientifica e olistica si potrebbe scorgere al di là di ogni barriera.

Sul monopolio delle emozioni e sulle catene della volontà

Siamo in guerra. Una guerra invisibile per il dominio delle nostre emozioni. La nostra autentica personalità viene ogni giorno incatenata inconsapevolmente da noi stessi. La prima arma di difesa è la conoscenza. Ecco racchiusa in una sintetica ricerca italiana tutto ciò che c’è da sapere sul come evitare di rimanere delle macchine prima che sia troppo tardi.

>
error: Attenzione: Il contenuto è protetto da copyright!