Swarovski

 

Nel castello di cristallo di Boemia l’attore vampiro

ruba gocce di rubino al padrone di casa

per la sua Bella.

La Bestia festeggia finalmente sola.

Piange innanzi a un pubblico di marionette ammaestrate

una figlia che al suo amore preferì tuffarsi

agonizzante d’amore malato

verso una croce piantata in mezzo a due ulivi

per donarsi alla Passione sul Monte di Venere.

Il dio denaro tesse trappole

 di peccati a casaccio

sui sette colli della capitale.

Fra la banca e l’ambasciata.

volteggia dall’amo un’esca:

la banconota bigattina che nessuno verrà a reclamare.

Il pescatore immigrato lancia maledizioni

in aramaico antico a un negro e una cassiera

per cui troppe parole sono già state sprecate.

Nascosta dietro la parannanza schizzata di sangue

lancia a cani randagi fegato e uova abortite.

 Con un coltello d’acciaio affilato e sacro

sventra squali e storioni al mercato del pesce.

Pulisce le mani sul grembiule.

Dalla bisaccia estrae la testa di Oloferne.

La sistema sul ghiaccio fra il merluzzo e il capitone.

 All’orizzonte una badante peruviana porta un vecchio al guinzaglio.

Una zingarella sente profumo di bottino

e si ferma a elemosinare un po’ di spicci.

La puttana la squadra dall’alto verso il basso.

Indietreggia.

La frangetta unta della bimba

repelle mosche e sanguisughe

e le spinge verso obiettivi più consoni.

Un rumore d’argento le distrae le manine ladre.

A terra, sul sentiero,

rotolato da una carrozza di zucca a mezzanotte

c’è un ciondolo di cristallo.

E’ già il tramonto.

Il pescatore sorride.

 

Lupo Raffaella

L’errore della soggettività

Le cattive abitudini applicate alla Vita dell’inconscio.

Il Cercatore

Conosci il Cercatore? Il vivo tra i morti, la luce nel buio. Egli ricercava disperatamente gli sguardi altrui, una qualche forma di riconoscenza, una prova di esistenza. Poi, un giorno, tutto cambiò. Il Cercatore, il Minotauro raggiunse la consapevolezza, la piena autenticità. Fu così che tramutò.

La permanenza dell’Io

Un flusso di coscienza ci porta in viaggio: dal tormentoso mare del “panta rei” eracliteo all’annichilimento dei sostrati dell’Io. Tutto ciò per arrivare nella pianura della nostra Coscienza intima: la nostra vera identità. Una poesia che segna l’atto primo di un Ricercatore del Tutto.

Vorrei ricordare

Come le onde del mare, il tempo scandisce a ritmi più o meno regolari le nostre esistenze: uniche e indispensabili per noi, del tutto marginali per l’evoluzione dell’Uomo.

I cinesi sono tutti uguali?

Ma i “cinesi” sono veramente tutti uguali? Esistono degli studi scientifici alla base di questo stereotipo?
Quali fenomeni sociali possono stare alla base dell’omologazione agli standard di bellezza? Scopriamolo insieme!

L’attesa nella malinconia

Cos’è l’attesa se essa è accompagnata dalla malinconia?

Poesia senza titolo per un amore non corrisposto

L’amore a volte strappa il titolo perfino ad una poesia. Ed essa rimane lì, inerte, sperando di essere riportata in vita da un lettore ignoto. Scopri l’emozione e resuscita l’amore perduto.

Cosa cambierà il mondo?

Abbiamo chiesto a Lupo Mario di rispondere alla domanda “Cosa cambierà il mondo?” nel suo podcast pubblico dal titolo “Tra filosofia e coaching”. Cosa avrà risposto? Scopriamolo insieme!

Angeles

Un canto di rivalsa contro la deturpazione

Ama

È quando c’è più bisogno di amore che occorre amare. In quel momento l’amore si moltiplica perché ha necessità di amare e farsi amare per imprimersi nel profondo.

>
error: Attenzione: Il contenuto è protetto da copyright!