Swarovski

 

Nel castello di cristallo di Boemia l’attore vampiro

ruba gocce di rubino al padrone di casa

per la sua Bella.

La Bestia festeggia finalmente sola.

Piange innanzi a un pubblico di marionette ammaestrate

una figlia che al suo amore preferì tuffarsi

agonizzante d’amore malato

verso una croce piantata in mezzo a due ulivi

per donarsi alla Passione sul Monte di Venere.

Il dio denaro tesse trappole

 di peccati a casaccio

sui sette colli della capitale.

Fra la banca e l’ambasciata.

volteggia dall’amo un’esca:

la banconota bigattina che nessuno verrà a reclamare.

Il pescatore immigrato lancia maledizioni

in aramaico antico a un negro e una cassiera

per cui troppe parole sono già state sprecate.

Nascosta dietro la parannanza schizzata di sangue

lancia a cani randagi fegato e uova abortite.

 Con un coltello d’acciaio affilato e sacro

sventra squali e storioni al mercato del pesce.

Pulisce le mani sul grembiule.

Dalla bisaccia estrae la testa di Oloferne.

La sistema sul ghiaccio fra il merluzzo e il capitone.

 All’orizzonte una badante peruviana porta un vecchio al guinzaglio.

Una zingarella sente profumo di bottino

e si ferma a elemosinare un po’ di spicci.

La puttana la squadra dall’alto verso il basso.

Indietreggia.

La frangetta unta della bimba

repelle mosche e sanguisughe

e le spinge verso obiettivi più consoni.

Un rumore d’argento le distrae le manine ladre.

A terra, sul sentiero,

rotolato da una carrozza di zucca a mezzanotte

c’è un ciondolo di cristallo.

E’ già il tramonto.

Il pescatore sorride.

 

Lupo Raffaella

Sul tempo dei filosofi

Cos’è il tempo? Esiste o è solo una percezione umana? Il mistero del tempo si tramanda dagli albori del pensiero umano. Cercheremo insieme di dare una sbirciatina alla moderna filosofia del tempo cercando una teoria che possa essere una soluzione a questo perenne e affascinante mistero.

Sull’essenza dannata del ricercatore

Più si va avanti nella ricerca e più la consapevolezza dell’infelicità si fa chiara. “Perchè?”: è questa parola magica a segnare l’inizio di questo viaggio tra telos, istinti, felicità e ricerca.

Il giorno in cui l’uomo contradisse se stesso

La nostra percezione è basata sulla dualità: qualcosa è o non è. Aristotele denominò questo principio logico “principio di non contraddizione” e noi uomini lo abbiamo posto come fondamenta per il nostro edificio del sapere. Tremiamo, dunque, perché la dualità così come la concepiamo logicamente è giunta alla sua estinzione. Un breve scritto giovanile stilato per un concorso alla Scuola Normale Superiore di Pisa che dà uno spiraglio di luce ad una teoria scientifica sul concetto di “anima”.

La Sirena e il Pescatore

Tra due figure si stabilisce un incontro illuminante dagli esiti inediti..

Questo remoto attuale

Quando il passato si ripresenta nel presente, lo fa con un’attualità sconcertante. La dicotomia decade e gli errori del passato si ripresentano qui, ora. La ripresa di una poesia del passato ci ripropone un quesito eterno: cosa vuol dire evolversi?

Poesia senza titolo per un amore non corrisposto

L’amore a volte strappa il titolo perfino ad una poesia. Ed essa rimane lì, inerte, sperando di essere riportata in vita da un lettore ignoto. Scopri l’emozione e resuscita l’amore perduto.

Angeles

Un canto di rivalsa contro la deturpazione

Il Foglio Bianco

Abbiamo cambiato il foglio di carta con un foglio digitale. Pronto ad essere spento in un attimo e perduto per sempre.

Storia di una lacrima

Una lacrima scendendo dolcemente lunga la guancia descrive il suo ineluttabile tragitto.

Sei

Come annegare in un oceano d’aria per provare a definire chi Sei

>
error: Attenzione: Il contenuto è protetto da copyright!